Feralpisalò, la presentazione di Legati e Loi

18-01-2018

#feralpisalò #prima squadra

SALÒ - Giornata di presentazione per i due nuovi acquisti della Feralpisalò: Elia Legati e Antonio Loi sono stati ufficialmente presentati alla stampa in mattinata. Nella sala stampa dello stadio "Lino Turina", con i due nuovi Leoni del Garda, era presente il direttore generale e sportivo Francesco Marroccu. 

Ecco le dichiarazioni dei protagonisti. 


FERALPISALÒ: LA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DI ELIA LEGATI E ANTONIO LOI


Francesco Marroccu (direttore generale e sportivo): Con Elia Legati facciamo uno dei colpi più importanti nella mia gestione. Arriva un giocatore titolare in Serie B che ha all'attivo esperienze importanti in squadre di livello. Era il giocatore che ci serviva per dare un assetto più equilibrato alla nostra fase difensiva. Ci ha colpito la sua grande motivazione e determinazione nello scegliere il progetto che il Presidente Pasini sta costruendo. Per quanto riguarda Antonio Loi viene qui per ritrovarsi. Ha accettato la nostra proposta di sei mesi per poter ritornare il giocatore che, neanche maggiorenne, esordiva in Serie A. A loro si sta per aggiungere anche Michele Rocca.

Il mercato non finisce qui. Soprattutto in termini di uscite. Faremo operazioni per sistemare ragazzi giovani che meritano di poter disputare qualche partita in più rispetto alle soddisfazioni che non hanno potuto avere fin qui. Arriverà qualche giocatore, per rifinire il grosso del mercato che è stato fatto.

Mi premeva dire che, anche alla luce della trattativa per Legati che è stata un'operazione lampo ma molto importante, le voci che si sono lette di un mio passaggio al Brescia addirittura nel mese di marzo sono del tutto infondate. Credo che la Feralpisalò meriti rispetto. E così un Presidente, di grandissimo livello quale è Giuseppe Pasini, che mi ha chiamato e dato le chiavi tecniche della società. Ribadisco che il mio posto è qua: sono felicemente sotto contratto e spero di togliermi qualche soddisfazione. 

Con la Sambenedettese sarà uno scontro diretto importante. Avremo di fronte quindici partite che ci mettono a disposizione la possibilità di centrare gli obiettivi prefissati.

Elia Legati: Sono molto entusiasta di aver scelto questa sfida, questo progetto e questa società ambiziosa e giovane. Quando leggi 2009 nello stemma capisci che il Club è nuovo ma so che ci sono grandi ambizioni. Sono orgoglioso di iniziare questo cammino e di essere vicino ai nuovi compagni che ho conosciuto qualche giorno fa. Sarà un cammino difficile: ci attendono quindici finali che ci devono portare all'obiettivo che è quello di poter fare più punti possibili. Solo alla fine vedremo quanti ne avranno fatti gli altri. La squadra ha valori, lo ha anche dimostrato. Speriamo di partire bene già da sabato.  

Con Vitofrancesco e Ferretti giocavamo da ragazzini. Con Guerra è stato un anno impegnativo a Venezia. Mi hanno accolto nel migliore dei modi, loro come tutti gli altri. Con Emerson abbiamo giocato contro tante partite e ci conosciamo da tanti anni. Vedo un gruppo sano e unito, questo è fondamentale per pensare a qualcosa di importante. Questa è la base. Sono davvero contento di essere qui.

Antonio Loi: Arrivo qui con tanta positività e voglia di riscatto. Ringrazio ancora la Società e il Presidente in primis. Spero di ripagare tutti di questa fiducia. Sambenedettese? Conosco mister Capuano. Sarà uno scontro diretto importantissimo. Una vittoria vorrebbe dire tanto. Qui ho trovato un ambiente sano e positivo, la base per poter dire qualcosa di importante. In questi anni ho fatto più ruoli, dall'esterno d'attacco o di centrocampo fino alla seconda punta. Sono a disposizione del mister.