UNA BELLISSIMA GIORNATA

05-06-2021

figcdcps, quarta categoria, 4special, senza di me che gioco è

Che giornata fantastica per gli atleti di ChievoVerona e Feralpisalò della categoria 4 Special! Dopo una lunghissima attesa, finalmente sono scesi in campo in una partita vera e propria contro un’avversaria.

È avvenuto oggi al Bottagisio Sport Center in occasione della prima mattinata dello Special Weekend intitolato #TORNIAMOAGIOCARE, in cui i calciatori gialloblù e verdeblù hanno disputato due gare amichevoli. Coordinato da Edoardo Busala, segretario generale del ChievoVerona neoletto al Consiglio Nazionale della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale della Federazione Italiana Giuoco Calcio, e sostenuto da Alessandro Cardi, presidente di CuoreChievo Onlus, l’appuntamento del sabato dello Special Weekend è stato realizzato grazie al rapporto di amicizia con Feralpisalò, società analogamente coinvolta nella DCPS.

L’appuntamento è stato aperto da un simbolico calcio d’inizio da parte del Dott. Claudio Micheletto, direttore pneumologia AOUI Verona, in prima linea nell’emergenza Covid-19, e del Prof. Leonardo Zoccante, neuropsichiatra infantile dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona. Al termine delle due divertenti partite, ricche di gol ed emozioni, accompagnata da Pietro Lodi, Direttore Generale del Settore Giovanile e responsabile Special, la squadra lombarda ha completato l’esperienza insieme a calciatori e staff del ChievoVerona partecipando ad un simpatico rinfresco organizzato nella struttura in un clima di sportività e grande allegria.

Franco Carraro, presidente della DCPS della FIGC, ha voluto testimoniare la soddisfazione per l’iniziativa con un messaggio destinato ad atleti e a dirigenti, letto prima del calcio d’inizio: «Cari amici, da molti mesi ormai tutto il mondo è in sofferenza e la pandemia ha necessariamente rallentato l’attività della Divisione, ma l’appuntamento odierno ha un significato profondo e rappresenta un segnale di positiva ripartenza per tutti gli atleti delle Società affiliate alla DCPS. Un momento di speranza che riaccende l’entusiasmo dei nostri calciatori in attesa di poter tornare finalmente a rivivere le emozioni che si accompagnano al pallone in campo. L’augurio per voi e per gli atleti della Divisione è che passione e gioia nel giocare a calcio tornino presto protagoniste delle nostre giornate, per un calcio che sa costruire e unire. Buon calcio d’inizio!»

Nel prepartita è intervenuto Alessandro Cardi, presidente di CuoreChievo Onlus, che ha ringraziato lo staff di tecnici, istruttori e psicologi «Per la dedizione e la professionalità dimostrata in questi mesi complicati in cui, grazie a loro, l’attività 4 Special al Bottagisio non si è mai fermata», a cui ha fatto eco Edoardo Busala che ha ringraziato il patron gialloblù Luca Campedelli e l’AD del Bottagisio Corrado Di Taranto per l’attenzione al progetto “4 Special”, valorizzando il significato della giornata, «Appuntamento che dà simbolicamente il via ad un nuovo inizio, tutti insieme, dopo un periodo in cui, professionismo a parte, tutti si sono dovuti fermare.»

Particolarmente emozionato il Dott. Claudio Micheletto, che ha sottolineato la coincidenza della mattinata: «Con la chiusura del reparto Covid nel nostro Ospedale dopo un anno e mezzo di attività, indicazione del fatto che la fase più delicata della pandemia è passata e ora abbiamo bisogno di tornare alla vita normale, di socializzare e fare sport, questi ragazzi in particolare, così come noi di riprendere la consueta attività sanitaria.» Il Prof. Leonardo Zoccante ha evidenziato che «Giornate come queste sono d’importanza fondamentale, perché dopo un periodo buio aprono spazi a ragazzi che hanno bisogno di stare fuori, di vivere all’aperto, di costruire e mantenere i rapporti interpersonali soprattutto con l’attività sportiva.»

"Ringrazio il Chievo Verona e il suo segretario generale, Edoardo Busala, per l'impegno e la voglia di far tornare a giocare i nostri ragazzi - le parole del direttore generale del Settore giovanile verdeblù, con delega ai progetti speciali, Pietro Lodi - Abbiamo da subito sposato l'idea con grandissimo entusiasmo, travolti anche da quello dei nostri ragazzi che non vedevano l'ora di tornare a vestire la maglia ufficiale anche se per una amichevole con gli amici del Chievo.

I ragazzi scalpitano, chiedono, vogliono sapere tutto sulla trasferta, c'è grande entusiasmo anche tra i genitori e sono felice per loro. Sono tutti al settimo cielo dopo un anno e mezzo di stop.

Speriamo sia l'inizio di una nuova ripartenza e che da settembre si posa tornare sui campo da calcio e riassaporare la passione e l'entusiasmo che hanno sempre contraddistinto le nostre squadre di Quinta e Sesta categoria".